Caos trasporti, Italo: «Senza sussidi falliamo». Oggi sciopero treni e bus
single.php

Ultimo aggiornamento il 23 ottobre 2020 alle 11:12

Caos trasporti, Italo: «Senza sussidi falliamo». Oggi sciopero treni e bus

Il grido d'allarme lanciato da Montezemolo. Intanto il Governatore Fontana chiede sempre meno spostamenti

«A questo punto se non arrivano i fondi promessi in tempi brevissimi, Italo sarà costretto a fermarsi». Nell’intervista al Corriere della Sera, Luca Cordero di Montezemolo ha lanciato il grido di allarme per il settore dei trasporti su rotaia. A poche ore dall’avvio del coprifuoco in diverse Regioni italiane, il nodo dei trasporti resta ancora irrisolto. «I treni ad alta velocità sembrano cliniche – ha dichiarato-  puliti, posti seduti e quindi tracciabili, ricambio d’aria frequente. Il ministro della Sanità il 14 luglio aveva stabilito che potessimo salire all’80% di capienza, poi un’incomprensibile marcia indietro, con la conseguenza che oggi sui treni ad alta velocità si viaggia al 50%, mentre sul trasporto locale all’80% o al 100%, senza controlli e con pericolosi ammassamenti».

Leggi anche: L’Europa si richiude: solo 9 i Paesi extraUe in cui viaggiare

Italo e il nodo dei trasporti

Intanto oggi, venerdì 23 ottobre, è in corso lo sciopero per treni e bus in varie Regioni. Poche ore fa il Governatore della Regione Lombardia, Attilio Fontana, ha dichiarato che per evitare il lockdown bisognerà ridurre o il numero delle persone che vanno a scuola o di quelle che vanno al lavoro. In questo scenario i mezzi pubblici costituiscono la questione cruciale per ridurre gli assembramenti a bordo. A spingere le sigle sindacali a dichiarare lo sciopero odierno è proprio la situazione di affollamento sui mezzi pubblici che, da settembre in poi, ha alzato il livello di attenzione sul rischio contagio.

Leggi anche: Le cicatrici del Covid sull’economia famigliare: in fumo 17,5 mld in tre mesi

Il presidente di Regione Lombardia, Attilio Fontana

In un’intervista a StartupItalia, l’ad di Flixbus, Andrea Incondi, ci aveva spiegato che la situazione attuale rischia di colpire a morte diverse aziende impegnate nel settore dei trasporti. «Auspichiamo che il governo tenga fede alle promesse fatte e supporti le imprese della media e lunga percorrenza – le sue parole – Se ciò non dovesse accadere, sarebbe la morte certa di centinaia di aziende».

Leggi anche: Trasporti, l’AD di FlixBus a Si: “Senza aiuti centinaia di aziende moriranno”

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter

  • Ti potrebbe interessare anche