desc

Twitter, non tutte le story hanno un lieto fine

TECH
Edit article
Set prefered

Twitter, non tutte le story hanno un lieto fine

Dal 3 agosto addio a Fleets

Dal 3 agosto addio a Fleets

Dopo tante novità annunciate nel primo semestre del 2021, è arrivato il momento anche di un addio. Twitter ha comunicato che dal 3 agosto chiuderà Fleets, la funzione che scimmiottava le story di Instagram presentata poco più di un anno fa e disponibile anche in Italia. Il motivo? Semplicemente gli utenti preferiscono spolliciare a destra e a sinistra sul social network delle immagini e non su quello dei 480 caratteri. Ispirarsi (o copiare, se siete maligni) è un’attività comune nel mondo delle piattaforme: basta vedere quanto tempo (poco) Clubhouse è rimasto l’unico social network dell’audio. Secondo The Verge il principale problema della società di Jack Dorsey è che gli utenti twittano poco e, quando lo fanno, è perché reagiscono a hashtag di tendenza. L’idea delle story poteva essere un gancio per far restare di più gli utenti a bordo dell’app.

Leggi anche: Cos’è Greenroom, l’ultima novità di Spotify. Indizio: Clubhouse

Twitter, la storia continua

Il buco nell’acqua di Twitter con le story di Fleets non dovrebbe comunque rovinare i piani della società, che da mesi è tra le più attive in fatto di nuove feature e acquisizioni. Molta acqua è passata sotto i ponti dopo i fatti del 6 gennaio scorso a Capitol Hill, vicenda che ha spinto Twitter a cacciare per sempre Donald Trump dalla piattaforma. Jack Dorsey si è già scusato pubblicamente per gli errori e ha dato la propria visione su quello che potrebbe essere un nuovo corso di internet.

Leggi anche: Twitter diventa a pagamento? Cosa sappiamo

Chiariamoci: la decisione di bannare l’ex presidente USA non ha certo portato al miglioramento del dibattito sui social network, dove ancora odiatori e leoni da tastiera fanno il bello e il cattivo tempo. D’altra parte va dato atto a Twitter di proseguire in un’attività che tenta di modificare lo scenario social, a cominciare dall’idea di introdurre una sezione a pagamento con SuperFollows. E poi c’è tutto il capitolo newsletter e sostegno ai content creator. Con l’operazione su Revue Jack Dorsey ha intenzione di connettere persone sulla base di interessi comuni con contenuti di valore (anche a pagamento).

Leggi anche: Che cos’è Scroll, l’ultimo acquisto di Twitter