Invitalia Ventures è il quarto fondo più attivo in Europa nel secondo trimestre

Il report della società londinese PitchBook evidenzia i fondi più attivi in Europa. Quattro gli italiani. Ma la fotografia dell’ecosistema europeo presenta qualche incertezza post brexit

Che qualcosa cominciasse a muoversi sul lato degli investimenti in startup lo avevamo compreso dagli ultimi report. Crescono gli investimenti. Crescono il numero dei deal. Cresce il numero degli operatori (istituzionali e non) presenti in Italia. I dati raccolti dal database degli investimenti PitchBook ha evidenziato la presenza di 4 operatori di venture italiani nella lista dei più attivi in Europa. Invitalia Ventures è il quarto per numero di investimenti early stage negli ultimi tre mesi: quattro dei cinque investimenti fatti dall’inizio dell’attività del fondo, gennaio 2016. Si tratta di quelli fatti in Tensive, Sardex, Zehus e Echolight, che si aggiungono al primo, ufficializzato a gennaio, in D-Eye.

slide 2 slide 1

 

Gli altri tre investitori rientrati in questo trimestre nel novero dei più attivi sono 360 Capital Partners, che ha appena annunciato che guiderà gli investimenti di Robolution (80 milioni in startup di robotica, IOT e intelligenza artificiale), e Principia, entrambi con 3 investimenti all’attivo nel secondo trimestre. Digital Magics invece con due investimenti risulta tra i più attivi in fase seed.

Ma il venture in Europa crolla trimestre dopo trimestre

Nel report oltre a elencare le società più attive, si racconta anche del mercato del venture in Europa, sceso di oltre un terzo nel secondo trimestre, contribuendo ad un’ansia diffusa sul mondo della tecnologia e degli investimenti che hanno colpito il Continente dopo l’uscita della Gran Bretagna dall’Unione europea. In Europa, il finanziamento dei venture capitalist è sceso da 4,3 miliardi nel secondo trimestre del 2015 a 2,8 miliardi nel secondo trimestre del 2016.

ok

La copertina, molto significativa, del report di PitchBook

Il capitale di rischio investito in startup late stage è sceso da 2,8 miliardi nel secondo trimestre del 2015 a 1,2 miliardi nel trimestre appena concluso. Ma è in general in tutto il mondo che i dati Pitchbook hanno mostrato una significativa riduzione del capitale investito soprattutto in fase seed e da angel investing, dimezzando da 4 miliardi a 2 miliardi nel secondo trimestre. E calano anche le valutazioni delle aziende, che sono spesso 20 o 30 per cento più basse di quanto non fossero l’anno scorso.

 

Ti potrebbe interessare anche

Un anno di Invitalia Ventures, Salvo Mizzi: «Ecco la strategia dei nostri investimenti»

Intervista a Salvo Mizzi, ceo di Invitalia Ventures, che racconta i primi dodici mesi alla guida del fondo della controllata del ministero dell’Economia.

Tutti i fondi di venture capital in Italia (ad oggi sono 11)

Panoramica sui 10 principali fondi di investimento del nostro Paese

Nei primi sei mesi del 2016 investiti 86,2 milioni in startup italiane. Più 240% sul 2015

Tutti i numeri dei primi sei mesi degli investimenti, e delle exit, in Italia. Gli attori principali, i fatti da ricordare, casi simbolo. Investiti circa 50 milioni in più rispetto ai primi sei mesi del 2015.

L’incubatore veneto di startup manifatturiere che ha conquistato Invitalia Ventures. M31, spiegato

M31 è un incubatore nato dall’iniziativa di un ex professore universitario, Ruggero Frezza. Il suo punto di forza è nella struttura: una holding con una rete di controllate e partecipate. E sedi aperte quando e dove serve

Floome chiude un round da 750K con Axa Strategic Ventures e Invitalia Ventures

La società di venture capital del gruppo Axa e Invitalia Ventures investono per la prima volta su una startup early stage italiana. Il progetto è nato da un team padovano che ha sviluppato un dispositivo che trasforma lo smartphone in un etilometro

Il Mit fa un sito che simula incidenti di auto senza pilota (e tu decidi chi deve morire)

L’università di Boston ha creato un sito sul quale gli utenti analizzano diversi scenari e propongono la scelta che ritengono più etica in caso di imprevisti su strada con le macchine self-driving. Il tentativo è quello di programmarle secondo il senso comune

Microsoft sceglie una startup italiana e la porta a New York. Else Corp

L’azienda basata a Milano ha progettato un programma che permette la personalizzazione dei capi d’abbigliamento. Microsoft la presenterà ai suoi partner, in occasione della Fiera National Retail Federation conference NY 2017